Siamo davvero progettati per la monogamia?

You may also like...

9 Responses

  1. Beppo ha detto:

    Premetto che non ho avuto il tempo di guardare tutto il video e non ho capito quella roba sull'agricoltura: ci torno appena posso.
    Provo a rispondere alla domanda che poni.
    Penso che le sovrastrutture sociali nascano per far fronte alle necessità e che a volte sopravvivono quando quelle necessità magari non sussistono più. Penso che il matrimonio come lo intendiamo sia stato la risposta necessaria (anche se non naturale) alla domanda di stabilità (soprattutto economica) quando guerre e carestie portavano gli uomini lontano dal patrimonio (case, terre, averi) e faceva si che in caso di (eventuale) ritorno ci fosse la moglie ad aver badato a tutto (magari pochissimo) e del patrimonio faceva indubbiamente parte la prole. Assicurarsi che i figli fossero effettivamente i propri era fondamentale per poter tramandare l'eredità e soprattutto per evitare che l'eredità finisse ad alti. Ecco perchè il matrimonio era ammantato di sacralità impegnandosi all'eterna fedeltà di fronte alla divinità di turno.
    Tutto questo sussiste qui ed ora? Direi di no ma la sovrastruttura è sopravvissuta alla necessità. Ci sono altri vantaggi? Magari si ma il punto è se la monogamia è fisiologica negli asseri umani o no e pare di no visto che il maschio umano è progettato per fecondare quante più donne possibile (quella del rapporto 7 donne per ogni uomo è una cazzata, ho appena scoperto). Ma anche questo non è più necessario visto che non corriamo più il rischio di estinguerci (e, anzi, siamo più di quanti il pianeta può sopportare) e ci siamo (non abbastanza) liberati anche dal tabù del sesso finalizzato alla procreazione. Ovvio che quanto sopra si riferisce al qui ed ora, altrove nel mondo funziona (funzionava, funzionava) diversamente.
    Penso che siamo un misto di istinti e ragione e che ogni persona dovrebbe esser libera di scegliere. Libertà dalle convenzioni, dagli usi non più necessari, dalle convenzioni obsolete. Libertà dal concetto di norma. Sono stato libero e parecchio promiscuo per un bel po' e ne ho combinate di tutti i colori, per usare un eufemismo. Sto con la stessa donna da più di vent'anni e ogni giorno continuiamo a sceglierci e a scegliere liberamente la nostra monogamia. L'unica necessità fisiologica, per me, è essere felici.

  2. porcoconleali ha detto:

    Però non vale Beppo, guardalo fino in fondo 🙂

  3. Anonimo ha detto:

    Penso che siano scelte personali: coppia aperta o monogama, basta che si sia entrambi coscienti e consenzienti. Ci sono felicissime coppie monogame e felicissime coppie aperte. L'importante è per me la sincerità.

  4. Beppo ha detto:

    Ok, visto. L'argomento, come avrai intuito, mi incuriosisce parecchio quindi ho comprato il libro. Ora il problema è quanti mesi mi ci vorranno per riuscire a leggerlo ma questa è un'altra storia. Grazie ancora per il post 😉

  5. cristiano ha detto:

    io dico semplicemente che tira più un pelo di figa che un carro di buoi!!! questo spiega tutto!!

  6. Anonimo ha detto:

    Molto, molto, molto interassante…
    solo una domanda assolutamente OT:
    Come fai apparire i sottotitoli in italiano nel video? Grazie…

  7. porcoconleali ha detto:

    @ultimo anonimo

    Semplicissimo, mi pare di ricordare.
    C'è un menù a tendina quando ti dà il codice per l'embed…

  8. porcoconleali ha detto:

    @beppo

    Poi ce lo recensisci??? Dai, dai, dai 🙂

  9. Beppo ha detto:

    Quasi quasi lo faccio davvero XDDDDD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *